cai

Gita Sociale al Pizzo Rabbi 2452m – 24/9/2017

La Sezione CAI di Valmadrera organizza per Domenica 24 Settembre una Gita Sociale al Pizzo di Rabbi 2452m

 

Relazione della salita

Via Normale Pizzo Rabbi 
L’itinerario da SW
Regione: Lombardia (ComoItaliane 

 

 

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali – Alpi Lepontine – Gruppo Catena Mesolcina 

Provincia: Como 

Punto di partenza: Ponte di Dangri (q. 659 m) 

Versante di salita: SE 

Dislivello di salita: 1800 m – Totale: 3600 m 

Tempo di salita: 5,15 h – Totale A/R: 10,00 h 

Periodo consigliato: tarda primavera – inizio autunno

 

 
Punti di appoggio: Biv. Petazzi (q. 2245 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Sentiero e traccia solo in parte segnalati 
Difficoltà:   EE – A – I – F 
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: CARTA NAZIONALE DELLA SVIZZERA N. 277 Roveredo 1:50000
Autore: Piero Vardinelli Profilo di Piero Vardinelli 
Data della salita: 23/05/2009
   

 

 
 
     

Introduzione:

Si trova sull’importante catena che dal Sasso Canale ad E giunge quasi rettilinea fino al Pizzo Paglia ad W e che di fatto rappresenta il confine tra la provincia di Como e quella di Sondrio. Pizzo Rabbi o Motto Rotondo, questo secondo toponimo ben rispecchia la forma arrotondata del versante SE della montagna, dove passa la via normale, mentre il versante settentrionale è più imponente e percorso da impegnative vie d’arrampicata. Raggiungere la vetta del Pizzo Rabbi da S, dal paese di Livo, è facile (F) e anche la parte finale non pone particolari problemi, ma il percorso è lungo, faticoso e non sempre ben segnalato. In particolare è difficoltoso seguire le tracce di sentiero con segnali sbiaditi (estate 2009), fra il ponte (q. 1055 m) che si incontra poco dopo Borgo e la base della cresta S della Croce di Ledü (Croce di Rabbi sulla CNS). In questo tratto bisogna stare molto attenti per individuare i segnali, in alternativa bisogna essere intuitivi per seguire l’itinerario migliore per poi rintracciarli. Il panorama circolare che si può ammirare da questa vetta è stupendo su tutta la regione, in particolare sugl’imponenti e impegnativi Pizzo Ledü e Pizzo Cavregasco. Ad inizio stagione utili piccozza e ramponi.

Accesso:

Da Gravedona sul Lago di Como si segue la strada che conduce a Livo. Dopo aver attraversato un ponte all’inzio del paese, si segue la strada di sinistra che passa a N della chiesa, ad un incrocio si prende a destra e dopo circa 300 m si arriva alla chiesa di S. Giacomo (q. 697 m), dove c’è un ampio parcheggio. La stradina, stretta, sterrata e spesso con il fondo sconnesso, prosegue in discesa per circa 3 km fino a raggiungere il crotto di Dangri, distante pochi metri dal Ponte di Dangri (q. 659 m). È da valutare la possibilità di lasciare l’autoveicolo alla chiesa di San Giacomo e raggiungere a piedi, in circa 35 minuti, il ponte di Dangri.

Descrizione della salita:

Attraversato il ponte di Dangri si sale la ripida mulattiera che conduce al santuario seicentesco della Madonna di Livo (q. 742 m). La mulattiera prosegue nel bosco di castagni con numerosi tornanti ed esce sui prati antistanti le baite di Baggio (q. 930 m). Il sentiero ben marcato, in leggera discesa, traversa il fianco della montagna verso NNW, in un ambiente selvaggio e raggiunge il ponte/briglia (q. 968 m). Lo si attraversa portandosi sul versante destro idrografico e dopo una ripida salita si arriva alle baite di Borgo (q. 1060 m). Seguendo il sentiero dentro una faggeta in breve si raggiunge il ponte (q. 1055 m) che è una massiccia costruzione in cemento con la parte mediana in legno e parapetti in metallo. Tralasciando le scritte sui cartelli, si può osservare che sul fondo in cemento, all’inizio del ponte, c’è la scritta in rosso (sbiadita): bivacco Ledü, che è il nome con il quale veniva identificato in precedenza il bivacco Petazzi. Si attraversa quindi il ponte e il successivo pianoro di pochi metri e poi si sale a sinistra seguendo una traccia con segnali che traversa un bosco di faggi, oltrepassa una zona franosa e raggiunge un primo gruppo di case (presumo siano le baite più a E di Busteccio, per questo tratto non affidarsi alla cartografia ma, come riportato in nota, consultare la cartina della Guida dei Monti d’Italia che ben riporta i sentieri). Da questo primo gruppo di case, seguendo un sentierino segnalato, si volge verso E e dopo aver attraversato una valle si raggiungono le baite di Stabiel (q. 1222 m). Dopo l’ultima baita ad E, le tracce di sentiero conducono ad un sasso alto un paio di metri, con bolli rossi. Qui si cambia direzione e si sale a sinistra, verso il bosco, prima di raggiungerlo si supera un altro grosso sasso, distante una cinquantina di metri dal precedente, che reca anch’esso dei bolli rossi. Oltre il sasso, verso sinistra, si entra in una fitta e ripida faggeta e seguendo i segnali sbiaditi sui tronchi dei faggi, si sale fino a raggiungere i ripidi pendii erbosi dove termina il bosco e dove si perdono le segnalazioni. Ad intuito si supera verso destra un piccolo avvallamento e si sale verso lo spigolo dello zoccolo roccioso della Croce di Ledü. Il sentierino ritorna evidente ma è molto ripido e in alcuni punti e scivoloso a causa della paglia secca presente proprio lungo il percorso. Lo spigolo roccioso citato viene aggirato ad E e poi si prosegue lungo il sentiero che passa sotto la bellissima parete E della Croce di Ledü e sale verso l’ormai evidente Pizzo Rabbi. Senza raggiungere l’Alpe Ledü si prosegue verso N in un bell’ ambiente di vasti pascoli e lastroni di rocce e seguendo i segnali si arriva all’Avert di Ledü (q. 1953 m). Se si perdono i segnali, nessun problema, si sale con percorso intuitivo e non obbligato verso NNE fino a raggiungere il Bivacco Petazzi (q. 2245 m), nei pressi del Lago di Ledü. Da qui ci si porta alla base del largo pendio SE del Pizzo Rabbi e si sale verso sinistra, quasi al margine con la cresta, si compie poi un ampio semicerchio verso destra, sopra la fascia rocciosa mediana, e si raggiunge la vetta.

Discesa:

Come per la salita.

Note:

La cartografia non riporta esattamente i sentieri che da Borgo (q. 1060 m) raggiungono Stabiel e proseguono fino alla base della cresta S della Croce di Ledü (Croce di Rabbi sulla CNS). Molto più dettagliata e precisa è la cartina alla pag. 208 della Guida dei Monti d’Italia: Mesolcina-Spluga, Monti dell’Alto Lario.

 

  • Il ritrovo è fissato per le ore 06.00 presso il parcheggio di via Fatebenefratelli a Valmadrera (davanti alla ns. sede).
  • I soci e i simpatizzanti interessati sono invitati ad iscriversi chiamando i soci:

  • Sandionigi Felice cell. 338 8618139 (dopo le ore 18:00)

  • Gianfranco Rusconi cell. 335 6846782 (dopo le ore 18.00)

  • oppure scrivendo all'indirizzo segreteria@caivalmadrera.it