bts merchbts merchbts butter mercharmy bombbts army bombbts face maskbts mouth maskbts maskbts face masksjungkook face mask
sh: ps: command not found sh: python3: command not found Presente e futuro del Parco Nazionale dello Stelvio_Cai Sez. di Valmadrera | Cai Sez. di Valmadrera

cai

Presente e futuro del Parco Nazionale dello Stelvio

Da C.A.I. News

Sabato 26 luglio a Bormio, il Club Alpino Italiano organizza una tavola rotonda dedicata all'incerto destino del Parco dello Stelvio, sul quale incombe una norma che prevede lo smembramento della gestione tra le province autonome di Trento e Bolzano e la Regione Lombardia. Il CAI, che si è già schierato contro tale ipotesi, riunisce esperti e amministratori per discutere e approfondire la questione

 

Nella Legge di Stabilità 2014, approvata il 23 dicembre 2013, è contenuto un comma, il 339, che di fatto spiana la strada alla dissoluzione del Parco Nazionale dello Stelvio con il trasferimento delle competenze esclusive della sua gestione alle Province autonome di Trento e Bolzano, dimenticando tra l’altro la Regione Lombardia.

Questa norma conferma precedenti orientamenti del Governo e accordi politici tesi a “provincializzare” o “regionalizzare” il Parco. L'Ente ormai da mesi è privo degli organi collegiali di gestione (scaduti e non rinnovati), mentre l'iter di approvazione del Piano del Parco e di altri strumenti di programmazione giacciono inevasi al Ministero dell'Ambiente.

Lo scorso mese di marzo, il Presidente generale del Cai Umberto Martini aveva indirizzato una lettera al Presidente del Consiglio Matteo Renzi e ai ministri coinvolti nella vicenda, in cui esprimeva "grande preoccupazione per il possibile smembramento del Parco voluto fin dai primi decenni del Novecento da CAI e Touring Club italiano e istituito nel 1935".

Martini ricordava che al Parco appartengono parti importanti dei territori delle Province di Trento, Bolzano, Sondrio e Brescia e che "la gestione comune ha consolidato l'integrazione tra le diversità culturali, linguistiche e geografiche che l'eventuale frammentazione gestionale farebbe inevitabilmente arretrare nell'affermazione localistica".

In conclusione il Presidente generale del CAI chiedeva "a nome dei nostri iscritti di riconsiderare i contenuti dei provvedimenti in corso di attuazione al fine di tutelare l'integrità di questo patrimonio nazionale e di ridare impulso alla sua gestione unitaria".

Nessuna risposta ufficiale è mai pervenuta da parte del Governo e rimangano forti timori sul futuro del parco dello Stelvio.

Il Club Alpino Italiano in questa fase intende contribuire ad individuare le migliori soluzioni per garantire il mantenimento e il rilancio dell'area protetta.

A questo scopo, organizza un tavola rotonda dal titolo Presente e futuro del Parco Nazionale dello Stelvio” che si svolgerà a Bormio, sabato 26 luglio, presso la sala “Bormio Terme” alle ore 17.00, nell’ambito del Festival “La Magnifica Terra”.

Alla tavola rotonda che sarà preceduta dalla proiezione del film-documentario di Giovanni PerettiSenza confini – Omaggio al Parco Nazionale dello Stelvio” partecipano:

Annibale Salsa – coordinatore scientifico de ''La Magnifica Terra"

Giuseppe Occhi – sindaco di Bormio

Ferruccio Tomasi – presidente del Parco nazionale dello Stelvio

Coordina Angelo Schena – consigliere centrale CAI e socio della Sezione CAI Valtellinese

Introduce Erminio Quartiani – delegato per i rapporti con gli enti pubblici e per l’ambiente del CAI

Intervengono:

Wolfgang Platter – direttore Parco nazionale dello Stelvio

Ugo Parolo – sottosegretario alla Presidenza della Regione Lombardia con delega alle politiche per la montagna

Claudio Bassetti – presidente Società Alpinisti Tridentini – CAI SAT

Renata Viviani – presidente del CAI Lombardia

Giuseppe Broggi – presidente del CAI Alto Adige

Franco Capitanio – coordinatore della Conferenza stabile CAI Valle Camonica

Stefano Brambilla – caporedattore della rivista “Touring”

Filippo Di Donato – rappresentante del CAI nel Consiglio Direttivo di Federparchi

Oscar Del Barba – rappresentante del CAI nella Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi (CIPRA)

Conclude Umberto Martini, Presidente Generale del Club Alpino Italiano.